13 Ott

Strategie per combattere lo stress e richieste esterne.

  • Posted by Davide Boraso
  • 0 Comments
  • benessere personale, psicologo biella, psicoterapeuta biella, riduzione dello stress

Quando ci sentiamo stressati, oberati di lavoro e sfiniti, spesso entriamo in circoli viziosi che determinano un rapido esaurimento delle energie. Ecco come rallentare e semplificare la quotidianità e combattere lo stress.

Combattere lo stress oggigiorno è fondamentale. Capita spesso che riusciamo a riconoscere segni di esaurimento negli altri, magari forniamo anche utili e corretti consigli. Eppure frequentemente non riusciamo a riconoscere gli stessi segni di stress e sopraffazione in noi stessi. Accettiamo progetti di lavoro, facciamo piani con gli amici, ci motiviamo ad andare in palestra, tenere il passo con le notizie e affrontare nuove sfide, salvo poi chiederci perché ci sentiamo così sfiniti.

A volte dobbiamo solo semplificare le cose.

Tendiamo a stupirci e a patologizzare l’ansia, ma la sua presenza è la logica conseguenza di un’eccessiva stimolazione che sta esaurendo le nostre energie.

Ecco alcune strategie per combattere lo stress e le pressioni.

1. Quando si tratta di relazioni, è importante concentrarsi sulla qualità, non sulla quantità.
Le molte relazioni che promuoviamo con amici, familiari, colleghi, compagni di classe, vicini e altro ancora sono preziose e arricchiscono la nostra vita. Tuttavia, la pressione che esercitiamo su noi stessi per mantenere queste relazioni a volte può essere dannosa.

“Dobbiamo riconoscere che ciò che è fisicamente possibile raggiungere in un giorno, non è psicologicamente saggio o plausibile”, afferma De Botton.

Nelle settimane in cui ti senti troppo esteso, è importante imparare a dire di no a una cena fuori, a una giornata di volontariato o a un viaggio di lavoro nel fine settimana.

2. Cura il sonno.
A volte, quando ci sentiamo agitati, confusi o tesi, potremmo pensare di dover apportare cambiamenti importanti nella nostra vita per “sistemare” le cose. Ma prima di progettare grossi cambiamenti, premi il pulsante di ripristino e mettiti a letto.

“Non dobbiamo necessariamente divorziare, riqualificarci in una professione completamente diversa o trasferirci in un altro stato: dobbiamo solo riposarci un po ‘di più”.

Se ti ritrovi a rigirarti alla fine di una lunga giornata e hai difficoltà ad addormentarti, prova una meditazione del sonno per rilassarti prima di adagiarti tra le braccia di Morfeo.

3. Fai una pausa dal ciclo informativo.
Per gran parte della storia, le notizie ci sono arrivate lentamente: abbiamo aspettato lettere, i pettegolezzi del vicino, la stampa del giornale ogni mattina. Ma oggi, con notizie a disposizione per 24 ore e Internet nel palmo della mano, siamo sintonizzati su tutto contemporaneamente. E ciò non piace alla nostra salute mentale.

“Ogni minuto di ogni giorno ci offre innumerevoli opzioni per riempire le nostre menti con la mania, gli exploit, i disastri, le furie, le ambizioni, i trionfi, la follia e i cataclismi degli estranei intorno al nostro pianeta malvagio”, afferma De Botton. “Sempre, i media fanno leva sul nostro bisogno di sapere e di aver bisogno di sapere in questo momento.”

Sebbene sia importante e necessario seguire le notizie, non è necessario seguirle ad ogni ora di ogni giorno. Invece, imposta una o due volte al giorno per controllare gli ultimi titoli o guardare una trasmissione recente, come la mattina, mentre prendi un caffè o la sera dopo cena.

4. Pratica un’alimentazione consapevole.
Molti di noi si sentono meglio dopo aver mangiato bene. Ma cosa succede quando trascorri l’intero pasto mandando SMS, lavorando alla tua scrivania o preoccupandoti di un evento nel corso della giornata? Smetti di concentrarti sul cibo e perdi tutti i benefici per l’umore che ne derivano.

Praticando un pasto consapevole, puoi prestare maggiore attenzione al cibo e iniziare ad assaporare ogni boccone, per sentirti più sazio e soddisfatto più a lungo.

5. Verifica le tue emozioni.
Quando siamo occupati, spesso scivoliamo nel pilota automatico e non ci concediamo di notare come ci sentiamo veramente. Ma quando seppellisci le tue emozioni, ti esponi a un rischio maggiore di esaurimento.

Sarebbe opportuno concedersi alcuni momenti di consapevolezza, durante la giornata, per verificare i propri pensieri il più spesso possibile.

“Per poter trovare riposo, abbiamo bisogno di ritagliare pezzi di tempo in cui non abbiamo altro da fare che stare a letto con un blocco per appunti e carta per pensare”, dice. “Dobbiamo considerare tre argomenti in particolare: Cosa mi rende ansioso? Chi mi ha causato dolore e come? Cosa mi provoca gioia? ”

Non solo ti aiuterà a capire e gestire meglio le tue sensazioni oggi, ma notando le tue sensazioni su un evento imminente, puoi anche evitare che l’ansia vada fuori controllo domani.

“Le esperienze perdono almeno la metà del loro potere di bloccarci quando le abbiamo superate nella mente il giorno prima”, afferma de Botton.

6. Concentrati sui risultati personali, piuttosto che sullo status.
A volte, possiamo affrontare una sfida semplicemente perché è una sfida e non perché in realtà è significativa per noi. Siamo consumati dal desiderio di ottenere una promozione, vincere un premio o pubblicare un libro, al punto da smettere di trovare divertimento nell’attività.

Anche se può sembrare difficile “smettere” di fare qualcosa, alla fine è più appagante concentrare il tuo tempo e la tua energia su qualcosa a cui tieni davvero, anche se si tratta di un tipo più tranquillo di successo, come un corso di cucina, o imparare a suonare la chitarra.

“Non ci stiamo allontanando da una sfida, stiamo semplicemente spostando il nostro senso di quale potrebbe essere la vera sfida e ancora più importante dove potrebbero trovarsi le vere ricompense”.

7. Coltiva un ambiente sano
Molti di noi non sono abbastanza fortunati da vivere su una spiaggia di Bali o svegliarsi con una vista sulle Alpi svizzere. Ma possiamo creare un ambiente che promuova un senso di pace e appagamento nella nostra vita quotidiana, sia ridipingendo la camera da letto, aggiungendo piante alla scrivania del lavoro o semplicemente riordinando il soggiorno. Sembrano attività banali, ma hanno una potente funzione di combattere lo stress.

“Il mondo visivo non può tradursi magicamente in uno stato d’animo; ma può sicuramente incoraggiarne e invitarne uno ”, afferma de Botton. “Dobbiamo fare tutto il possibile per fare una casa nel tipo di ambiente che promette a livello visivo la calma che bramiamo a livello psicologico”.

Davide Boraso
Psicologo – Psicoterapeuta
Terapeuta EMDR e MindfulnessBCT.

 

Bibliografia.

Tratto liberamente da – Seven ways to slow down

Sito personale di Alain de Botton – alaindebotton.com

Risorse utili per imparare a gestire lo stress a – relaxlikeaboss.com